Un inno alla diversità e alla bellezza.

A Milano si è tenuta la tredicesima edizione di Identità Golose, una delle manifestazioni che meglio rappresenta la cultura italiana del cibo. Cuochi, batterie di cucina e produttori che ogni anno si incontrano davanti a un fortunato pubblico di amatori per raccontare e cucinare in diretta le pietanze della cucina italiana.

Il tema di quest’anno era la straordinaria diversità delle province e dei territori del nostro paese, quella libertà estrema che spesso cambia il gusto da un campanile al borgo successivo, che cambia di tono scendendo la collina o traversando il fiume. È la libertà che costruisce il tratto più intenso della nostra identità.

Costruire capolavori all’ombra dei campanili è il nostro privilegio e questo si avvera anche nel cibo: anzi, il cibo e i mestieri agricoli sono una delle originali sorgenti di quest’atteggiamento. I cuochi estraggono gli elementi materiali dai territori e li trasformano nella magia della cucina.

Uno dei percorsi più interessanti della manifestazione ha raccontato in questo modo, parole, ricette e materie, la East Lombardy, quella parte di regione cha va da Cremona a Brescia, passando per Mantova. Riccardo Camanini, chef appassionato, erudito e discreto del Lido 84 a Gardone, racconta di come per costruire le ricette del suo locale ha indagato il territorio: le farine, i formaggi, i pesci di lago, l’olio d’oliva. Estraendo il meglio da quell’incredibile oasi di sapori che è la riviera del Garda per trasformare queste materie nelle sue ricette e nei suoi piatti.

Questo lavoro di “estrazione” inevitabilmente esalta i produttori, li aiuta a farsi conoscere, costruisce un dialogo virtuoso tra chi esercita la fatica dei campi e chi pratica la passione per la cucina. Questa catena bene rappresenta, nel gusto e nella bellezza, quel che si deve intendere per filiera in una economia territoriale, perché i ristoranti poi portano turisti e viaggiatori curiosi e il dialogo tra cuochi e produttori esalta la qualità dei prodotti e la loro rappresentazione.

Il laboratorio di Identità Golose, da quattro anni si svolge anche a Chicago, da otto a New York e per la prima volta quest’anno a Boston. Un bel modo per raccontare l’Italia nei suoi dettagli e nei suoi talenti.

Giovanni Lanzone

About Giovanni Lanzone

Giornalista professionista e sociologo. È tra i fondatori della Fondazione Italia Patria della Bellezza, orientato a rafforzarne particolarmente il ruolo economico e sociale finalizzato alla crescita del nostro Paese.